Una giorno di riposo a Favignana tanto per cominciare….

Italiano: Cala Azzurra a Favignana

S.Caterina

S.Caterina (Photo credit: ABandOn81)

No photoshop, only Favignana

 

Castello di Favignana

Favignana è senz’altro la meta ideale da cui cominciare la scoperta delle Isole Egadi, in quanto l’isola, oltre ad essere la più grande dell’arcipelago, è anche quella collegata meglio dai trasporti ed è un perfetto punto di partenza per visitare anche Levanzo e Marettimo.

 

E’ possibile visitare Favignana sia in auto che in barca, ma il modo migliore per farlo è senz’altro in scooter o in bicicletta, in modo da raggiungere agevolmente tutte le cale e insenature, anche quelle più appartate.

 

Numerose sono le escursioni che l’isola propone: dal Charter di Pesca Sportiva per i più avventurosi, alla visita ai giardini ipogei o al giro in barca con visita alle grotte marine.

 

Il centro urbano è composto da due piazze principali collegate da una via ove sono presenti locali e ristoranti.

 

Si raggiunge poi il porto turistico, ideale per una passeggiata dopo cena o al tramonto, magari gustando sulla vicina spiaggia un gelato, una brioche con granita o una delle tante prelibatezze dolciarie che è possibile scoprire durante la propria permanenza.

 

Il paese di Favignana è senza dubbio in grado di catapultare il visitatore in un ambiente rilassato e tranquillo, ideale per una vacanza al mare lontani dalla vita frenetica della città.

 

Particolarmente gustosi sono i piatti da assaporare a base di tonno e prodotti locali, tramandati dalla tradizione.

 

Naturalmente ciò per cui Favignana eccelle è senz’altro il mare, ancora incontaminato e dalle sfumature splendide, con angoli paradisiaci di spiagge dorate e finissime che spesso si tingono di rosa grazie al corallo portato dalle correnti.

 

 

 

English: Cala Azzurra in Favignana Italiano: C...

English: Cala Azzurra in Favignana Italiano: Cala Azzurra a Favignana (Photo credit: Wikipedia)

 

 

 

Cose da fare a Favignana

 

Tra le tante cose che è possibile fare a Favignana, ve ne sono alcune che senz’altro vanno fatte più di altre! Ve ne proponiamo un breve elenco:

 

  • Immergersi nelle acque cristalline di Cala Rossa, in uno scenario naturale unico.
  • Visitare le grotte marine in compagnia dei pescatori locali.
  • Partecipare ad un’escursione avventurosa di pesca turismo o charter di pesca sportiva, cimentandosi con tutte le tecniche.
  • Fare immersioni subacquee tra relitti e secche e fare almeno un’immersione alla meravigliosa secca del Toro.
  • Osservare il tramonto da Punta Sottile, guardando il sole morire al di là del faro.
  • Osservare il panorama dal Castello di S.Caterina, il punto più alto di Favignana, con vista sull’intero arcipelago.
  • Visitare il museo dell’ex Stabilimento Florio con una delle tante visite guidate.
  • Visitare le antiche cave di tufo e i giardini ipogei che ora vi crescono rigogliosi e curati.
  • Passeggiare tra le due piazze del paese e il piccolo porticciolo, fino al lungomare con vista su Levanzo.
  • Gustare le delizie locali alle 5 e 30 del mattino in uno dei tanti panifici dell’isola.
  • Guardare la spettacolare alba da Punta Lunga.
  • Parlare con i tonnaroti e farsi raccontare gli aneddoti della tonnara e di quella che fu la mattanza a Favignana.
  • Fare snorkeling tra le acque del Preveto, caratterizzate da fondali ricchi di vita.
  • Gustare le Frascatole, il Cous Cous e la pasta con l’aragosta in uno dei tanti ristoranti locali.
  • Fare un aperitivo in barca al tramonto.
  • Godersi il sole sdraiati sulla riva di Cala Azzurra.
  • Tuffarsi dal Bue Marino o da Scalo Cavallo o, se più esperti, da Punta Fanfalo.
  • Gustare cassatine, cassatelle e cannoli in una pasticceria.
  • Partecipare ad una delle feste in spiaggia che si tengono d’estate.
  • Passare il ferragosto tra i falò di Lido Burrone o al Pozzo.
  • Assistere all’”Adduminata” a ferragosto in occasione della festa della Madonna dei campagnoli.
  • Recarsi di mattina presto al tipico mercatino del pesce organizzato dai pescatori locali e acquistare l’ottimo pesce fresco proveniente dalle acque egadine.
  • Assaporare l’Aragosta delle Egadi, caratterizzata da un sapore estremamente delicato.
  • Gustare tutte le preparazioni a base di tonno e pesce spada.
  • Visitare il museo malacologico e ammirare le numerose conchiglie conservate.
  • Scattare delle meravigliose fotografie a tutti i paesaggi mozzafiato dell’isola.
  • Assaporare un gelato o una delle tantissime granite osservando il panorama dal lungomare.
  • Visitare l’area archeologica di San Nicola.
  • Fare una lunga passeggiata tra il verde del monte di S.Caterina.
  • Fare un giro panoramico in bici lungo la costa scoprendo anche le calette più appartate e segrete dell’isola.
  • Acquistare uno dei tanti souvenir o dipinti fatti a mano.
  • Portare a casa dei prodotti tipici di tonnara.
  • Scalare il monte S. Caterina a dorso di asinello con una delle escursioni.
  • Acquistare una delle piccole sculture in tufo degli artisti locali.

 

Annunci

I commenti sono chiusi.