Caldofreddo specialità di San Vito Lo Capo

Per molti, San Vito Lo Capo è l’emblema del meraviglioso mare di Sicilia e di ciò che di stupendo l’Isola del sole può offrire al visitatore.

Sunrise at San Vito Lo Capo, Sicily (Italy)

Sunrise at San Vito Lo Capo, Sicily (Italy) (Photo credit: Wikipedia)

Una spiaggia di sabbia bianchissima con riflessi sul rosa dovuti alla presenza delle piccole conchiglie di quel colore, dei dintorni semplicemente mozzafiato e una gastronomia dove si concentrano tutte le indicibili bontà della cucina trapanese.

San Vito Lo Capo è sede di numerosissime manifestazioni, fra le quali ricordiamo il celeberrimo Cous Cous Fest.

Non sarà di certo ricordata come una bella estate questa del 2013: arrivata in ritardo e funestata, fino alla prima settimana di luglio, da vento e piogge torrenziali.

Tuttavia le temperature alte per gran parte della giornata hanno invogliato, come ogni anno, a entrare in una delle tante gelaterie artigianali di San Vito.

Personalmente consiglio “Allicca Allica”.

Nel corso principale della cittadina (ma non solo), sono numerosi i bar presi letteralmente d’assalto dai turisti che, d’estate, hanno la possibilità di gustare una preparazione deliziosa: il caldo freddo di San Vito, che presentiamo in questa ricetta.

Una preparazione che è possibile fare comodamente a casa, ma che gustata nella magica atmosfera di San Vito Lo Capo ha tutt’altro sapore.acqua cristallina

Provare per credere!

Il “Caldo Freddo” è una specialità locale, nata, sul finire degli anni ’70, a San Vito Lo Capo per deliziare le migliaia di turisti che affollano la meravigliosa località balneare del trapanese.

In pochi luoghi al mondo puoi trovare una leccornia simile.

A parole è anche difficile spiegarla. Finora i luoghi “accertati” in cui si trova un buon caldo freddo sono Paceco, Trapani, San Vito Lo Capo e qualche volta Favignana.

Un buon caldo freddo è fatto di una parte consistente di gelato, generalmente alla crema, consiglio nocciola e bacio oppure bacio e caffè o nocciola e cioccolato, si può anche osare un gusto alla frutta, ma in tal caso ci togliamo ogni responsabilità.

Il gelato è sormontato da una cialda di pan di spagna imbevuta nel Rum e da una farcitura di panna. Completa il tutto una bella “colata” di cioccolato fuso fondente e una pioggia di granella di nocciole.

Una bomba calorica, ma a San Vito, si sa, anche la dieta va in vacanza.

Il suo nome deriva dal connubio creato dal freddo del gelato e dal caldo del cioccolato fuso che viene versato sulla superficie del gelato stesso.

Ecco la ricetta per i più volenterosi!

Ingredienti per 4 persone

600 g di gelato
0,2l di panna montata artigianale e zuccherata
100g di cioccolato fondente
Rum
4 cialde di pan di spagna
2 cucchiai di latte

Preparazione:

Per prima cosa preparate la colata di cioccolato, quindi fate sciogliere il cioccolato fondente in un tegame a bagnomaria insieme al latte. Una volta che il cioccolato si sarà fuso, mescolate energicamente con un cucchiaio di legno finché non avrà raggiunto una consistenza cremosa. Lasciatelo da parte al caldo.

Prendete le cialdine di pan di spagna, inzuppatele leggermente con il rum.

Nel lemmo ponete il gelato e sovrapponetevi la cialda in precedenza imbevuta.

N.B.: il lemmo è il recipiente di terracotta smaltato in cui viene preparato il cous cous.

A questo punto adagiatevi la panna montata.

Completate con una colata di cioccolata calda e la granella di noccioline.

Buon appetito!

Annunci

I commenti sono chiusi.